17 Aprile 2024

Il valore della sostenibilità per le PMI

ESG Business Conference

Sostenibilità e competitività: le PMI europee abbracciano gli standard ESG per un futuro più verde

Nel numero di marzo 2024 di ESG Business Review, Il primo magazine di approfondimento e studio, dedicato alle tematiche Esg edito da Etica News, Uniaudit tratta del tema della sostenibilità per le piccole e medie imprese (PMI) europee.

I nuovi standard

Fondamentali per l’economia e le catene globali del valore, le PMI rappresentano la maggioranza delle imprese del continente. Con una crescente pressione verso la sostenibilità, le PMI stanno adottando criteri ESG (Ambientali, Sociali e di Governance) per migliorare la loro competitività a lungo termine. La disponibilità di standard specifici offre loro l’opportunità di gestire i rischi e rafforzare la loro posizione nel mercato. Le PMI quotate sono chiamate a seguire nuove direttive, mentre quelle non quotate possono optare per uno standard volontario. Questi sforzi non solo migliorano la trasparenza, ma offrono anche maggiori opportunità di finanziamento e partnership strategiche. Inoltre, la standardizzazione delle richieste di dati ESG semplifica il processo per le PMI. Nonostante le sfide iniziali, l’adesione a questi standard offre notevoli vantaggi, facilitando il cammino delle PMI verso un’economia più sostenibile e inclusiva.

Lo scenario

Le PMI costituiscono la parte prevalente delle imprese europee (97%) e italiane (99%), con una forte presenza delle microimprese (meno di 10 dipendenti), pari al 92% in Europa e 95% in Italia.
A livello europeo esse generano il 53% del valore aggiunto e il 65% dell’occupazione delle imprese non finanziarie (dati 2023 della Commissione Europea).
Altro elemento che qualifica strutturalmente le PMI è la limitata attenzione alla gestione finanziaria derivante dalla scarsa cultura dei rischi, che si associa spesso alla naturale relazione di fiducia con la banca di riferimento. Ciò rende le PMI particolarmente vulnerabili a fenomeni di razionamento del credito e contribuisce a determinare, a parità di altre condizioni, un costo dell’indebitamento più elevato rispetto a quello sostenuto dalle imprese di più grandi dimensioni
L’impulso verso la sostenibilità nell’UE, guidato dal Green Deal e dalla direttiva CSRD, influisce sulle PMI europee, spingendole verso criteri ESG per migliorare la competitività.

Impatto delle Direttive sulle PMI Quotate
Le PMI quotate dovranno redigere e pubblicare il Bilancio di Sostenibilità a partire dal 2026, affrontando la sfida come opportunità per migliorare la competitività e ottenere accesso a vantaggi come supply chain certificate e partnership strategiche.
Le PMI coinvolte nelle filiere produttive sono chiamate a fornire dati sull’impatto ambientale e sociale, rafforzando l’urgenza dell’impegno delle PMI verso la sostenibilità.

La scorsa edizione della ESG Business Conference di luglio 2023,tenutasi a Milano, Palazzo Giuresconsulti.

Standard di Rendicontazione di Sostenibilità
L’EFRAG ha proposto standard di rendicontazione sia per le PMI quotate (ESRS LSME) che non quotate (ESRS VSME), fornendo loro strumenti per rispondere efficacemente alle richieste di informazioni sulla sostenibilità. Nonostante le sfide iniziali, l’adesione agli standard offre alle PMI notevoli vantaggi, migliorando la trasparenza e facilitando l’accesso a finanziamenti e investitori.

Uniaudit, membro indipendente nel network di revisione contabile Moore Global, offre servizi per lo sviluppo delle PMI, sfruttando la sua vasta esperienza nel settore per aiutare le imprese a navigare nel panorama della sostenibilità e della rendicontazione.

Potrebbe interessarti anche: